Salta al contenuto principale
x
come eliminare le mosche della frutta con taptrap

COME ELIMINARE LE MOSCHE DELLA FRUTTA: IL RIMEDIO NATURALE

Tra i tipi più fastidiosi di infestazioni che possono abbattersi sulle coltivazioni e sui frutteti, non si possono non menzionare quelle della ceratitis capitata, volgarmente conosciuta come mosca della frutta, insetto fitofago diffuso soprattutto nelle aree dell’Europa mediterranea e centrale.

Una trappola per mosche ecologica, piazzata nel momento e nel posto giusto, può rivelarsi l’arma migliore per difendersi dagli ingenti danni che questo moscerino può causare.

Vediamo come eliminare le mosche della frutta con i nostri rimedi naturali.

Come eliminare le mosche della frutta con le nostre trappole per mosche ecologicheLa piccola mosca della frutta costituisce una grande minaccia per le principali specie fruttifere: deposita le uova quando i frutti sono in maturazione, e i segni della sua presenza si rendono evidenti solo una ventina di giorni prima, rendendo di fatto impossibile intervenire, perché i frutti sono prossimi al raccolto.

Per contrastare gli attacchi della mosca è necessario quindi lavorare di prevenzione: in questi casi la soluzione ottimale è quella di dotarsi della giusta trappola per mosche ecologica.

La ceratitis capitata ha un elevato numero di generazioni ed è di difficile controllo.

Verso la fine del mese di maggio l’adulto della specie sfarfalla e depone le uova nei frutti: è di fondamentale importanza piazzare le trappole in questo periodo, in modo da riuscire a contenere la popolazione.

Le trappole per mosche Tap Trap e Vaso Trap ad attrattiva visiva, di colore giallo intenso, sono lo strumento ideale per riuscire a contrastarne la diffusione.

 

Come si fa

Come eliminare le mosche della frutta utilizzando le nostre trappole per mosche ecologiche?

  • Per la preparazione dell’esca è consigliato partire con una classica preparazione di una trappola per mosche comuni, con acqua e pesce crudo (ad esempio sarde).
  • La trappola deve essere appesa alla pianta ad altezza d’uomo, ben esposta al sole.
  • Quando la trappola incomincerà a catturare gli insetti, sarà necessario aggiungere alla preparazione dell’ammoniaca non profumata. Ogni qual volta il livello del liquido diminuisce, la trappola non va svuotata ma rabboccata con dell’altra ammoniaca. Questo procedimento deve essere portato avanti fino a fine della stagione, anche se è utile lasciare le trappole in campo tutto l’anno.

 

Utilizzandole in questo modo, le nostre biotrappole Tap Trap e Vaso Trap si rivelano molto più efficaci perché a cattura massale e selettive, a differenza di una semplice trappola per mosche gialla a colla, grazie all’utilizzo di un’esca alimentare.

 

Per saperne di più sui nostri prodotti e come utilizzarli nel modo più efficace, mettiti in contatto con noi.

Categoria Articolo