Salta al contenuto principale
x

Il noce è una pianta molto longeva, dalla chioma maestosa, la cui coltivazione è considerata tra le più redditizie del mondo. I suoi frutti dalle elevate proprietà nutrienti, le noci, si raccolgono in autunno e sono alla base di moltissime preparazioni culinarie. La produzione però può essere messa a rischio dagli attacchi di parassiti, come insetti volanti dannosi, che ne compromettono la produttività qualitativa e quantitativa.

Per curare le malattie del noce in un'ottica ecologica e sostenibile, è importante capire qual è l’insetto nocivo che crea il danno e organizzare un trappolaggio di massa corretto sin dall'inizio della stagione, a partire dalla scelta della corretta trappola per insetti da utilizzare.

 

MALATTIE DEL NOCE DA PARASSITI VOLANTI

I parassiti volanti del noce sono principalmente due: la mosca del noce e la carpocapsa

Le noci nere rappresentano il danno più comune ai frutti del noce - e sono causate dalla mosca del noce, la quale punge il mallo e vi depone fino a 400 uova, che si schiudono in pochi giorni e si sviluppano in poco più di un mese. Il mallo annerisce, si disfa e resta in parte aderente al guscio, macchiandolo di nero e causando una cascola precoce del frutto. 

Il gheriglio rovinato, invece, è il danno causato dalla carpocapsa: la larva di questo lepidottero attacca i giovani germogli e i frutti e si presenta come il classico vermetto che troviamo nelle noci. La sua presenza si riconosce anche grazie agli ammassi granulosi scuri presenti su mallo: essi non sono altro che gli scarti dell’interno del frutto scavato dalle larve.

 

TRAPPOLE PER MOSCA DEL NOCE E TRAPPOLE PER CARPOCAPSA

Le trappole per insetti ecologiche permettono una buona difesa della pianta di noce contro le mosche e le carpocapsa, grazie a una cattura massale continua fino a fine stagione. Le bio trappole per mosche e carpocapsa riducono sensibilmente l'uso dei pesticidi: vanno posizionate sulla pianta (una o due trappole per albero) nella parte più esposta al sole, controllate ogni 15-20 giorni circa e rinnovate affinché l'attrattiva dell'esca sia sempre efficace.

Le esche per le trappole per mosche delle noci si preparano comodamente in casa utilizzando Tap Trap o Vaso Trap, con una miscela alimentare a base di ammoniaca e sostanze proteiche facilmente reperibili.

Anche le esche per le trappole per carpocapsa si preparano con un veloce fai-da-te: la miscela  più indicata per la cattura di questo lepidottero è quella con acqua-aceto-zucchero. 

Per maggiori dettagli su come fare contro le mosche o le carpocapsa, clicca qui sotto sull'insetto che pensi causi il danno al tuo noce. Oppure, scorri più in basso e clicca su una delle trappole per mosche e carpocapsa per conoscere le quantità e la corretta preparazione delle esche per difendere la tua pianta contro le mosche e gli altri parassiti.

Qual’è il tuo problema?

Clicca sulla causa del danno per trovarne la cura

Cydia pomonella
Rhagoletis completa

Le trappole che possono aiutarti sono

Utilizza le seguenti ricette

CARPOCAPSA, TIGNOLA, SESIA, FALENA E LEPIDOTTERI - Tap Trap

Aromatizzare 1 litro di vino addolcito con 6-7 cucchiai di zucchero, aggiungere 15 chiodi di garofano e mezza stecca di cannella.

Lasciare macerare per 15 giorni circa e in seguito diluirlo con 3 litri di acqua.

Con questo preparato avrete 4 litri di esca che potrete utilizzare per 8 bottiglie trappola (con mezzo litro di esca ciascuna)

 

 
CARPOCAPSA, TIGNOLA, SESIA, FALENA E LEPIDOTTERI - Vaso Trap

Aromatizzare 1 litro di vino addolcito con 6-7 cucchiai di zucchero, aggiungere 15 chiodi di garofano e mezza stecca di cannella.

Lasciare macerare per 15 giorni circa e in seguito diluirlo con 2-3 litri di acqua.

Con questo preparato avrete 4 litri di esca che potrete utilizzare per 11 Vaso Trap (introdurre 350 ml di esca per vaso)

 
MOSCHE DELLA FRUTTA E MOSCA MEDITERRANEA (ciliegio, ulivo, noce, agrumi, ecc.) - Tap Trap

Introdurre nella bottiglia mezzo litro di ammoniaca liquida (tipo uso pulizie, non profumata) e qualche scarto di pesce crudo (sarde, acciughe, ecc.) come esca proteica.

 
MOSCHE DELLA FRUTTA E MOSCA MEDITERRANEA (ciliegio, ulivo, noce, agrumi, ecc.) - Vaso Trap

Introdurre nel vaso 350 ml di ammoniaca liquida (tipo uso pulizie, non profumata) e qualche scarto di pesce crudo (sarde, acciughe, ecc.) come esca proteica.

 
SFERA TRAP

Dopo aver  posizionato le due Pile stilo da 1,5 V, inserire il porta batterie LED in uno dei due supporti (inferiore o superiore).
Sfera Trap è così pronta per essere assemblata - Guarda come fare

 

Prima di applicare la colla, rivestire la sfera con della pellicola trasparente del tipo Domopak, o film plastico per imballaggi, o cuffiette monouso per doccia. Dopodiché applicare la colla.

In caso di perdita di adesività, la colla si potrà applicare più volte, anche in presenza di catture già avvenute.

 

NB. Oltre all’utilizzo con la sola colla, più eventuali attrattivi, Sfera Trap può essere da supporto anche a soli insetticidi e feromoni.

 

Consigli pratici:  Usare guanti monouso nella preparazione di Sfera Trap e dei vari prodotti utilizzati. Date le possibili colature di colla, si consiglia di posizionare al di sotto della sfera dei ripari, come cartoni o fogli di carta. Eventuali residui di colla sono facilmente asportabili con la benzina o la trielina - video istruzioni