MOSCA DEL NOCE: RIMEDIO EFFICACE SENZA INSETTICIDI

Noce pianta di noci

La coltivazione del noce implica due importanti minacce: la mosca del noce (Rhagoletis completa) e la carpocapsa (la farfallina che fa il verme nelle mele). Tra i rimedi più efficaci senza insetticidi, c’è l’uso combinato di due trappole ad esca alimentare che difendono le noci sia dalla mosca che dalla carpocapsa. Vediamo come.

TRAPPOLAGGIO DI MASSA DELLA MOSCA DEL NOCE

Per limitare i trattamenti impegnativi nel frutteto o cercare di non fare uso di insetticidi, il rimedio per mosca del noce e carpocapsa con trappole Tap Trap è indispensabile: conosciute da molti anni e consigliate dagli istituti di ricerca, le Tap Trap entrano in azione nel momento in cui l’insetto sfarfalla e volano i primi adulti. In entrambi i casi (mosca e carpocapsa) sono le larve a fare i danni (ne parleremo in seguito): per questo motivo il nostro scopo è evitare gli accoppiamenti dell’insetto adulto e limitare così la deposizione di uova. Per far questo, è importante sapere quando si presenta il problema.

COME ORGANIZZARE IL TRAPPOLAGGIO

Per limitare gli accoppiamenti è necessaria una cattura di massa selettiva degli adulti: quando?

  • La prima generazione della mosca del noce sfarfalla ai primi di luglio: è quindi necessario avere le trappole in campo sin da metà giugno. Questo tipo di trappola, infatti, si autoinnesca con la cattura preventiva di varie tipologie di mosche, comprese quelle domestiche.
  • La prima generazione di carpocapsa sfarfalla a fine maggio, quando le temperature raggiungono i 15-16 gradi (tra l’altro, questo tipo di trappola è adatta anche alla cattura di vespe e calabroni, per cui avrà una doppia efficacia nel nostro frutteto!).

CHIEDI INFORMAZIONI PER ACQUISTARE LE TRAPPOLE

COME SI USANO LE TRAPPOLE

Perché parliamo di cattura selettiva? Perché l’uso di Tap Trap evita la cattura di insetti utili, come le api e i bombi, e ci aiuta ad attirare solo l’insetto target della nostra lotta: questo ci agevola nel monitorare la presenza di un infestante che altrimenti potrebbe prevalere.

Ecco un paio di cose da tenere presenti quando si usano le trappole a cattura di massa Tap Trap e Vaso Trap.

  • Posizionare Tap Trap una per pianta e ben esposta al sole.
  • Controllare le trappole e mantenere le esche attive regolarmente.
  • Mantenere la trappola in campo fino all’autunno per far sì che anche gli esemplari dell’ultima generazione vengano catturati.

trappola per carpocapsa tap trap

COME SI PREPARA L’ESCA

È molto importante che l’esca sia fatta correttamente e controllata, ed eventualmente corretta, una volta al mese. Ecco i riferimenti passo-per-passo per non sbagliare e avere la massima efficacia dalle bottiglie-trappola Tap Trap:

(Puoi usare anche Vaso Trap per mosche: leggi come fare).

DANNI DELLA MOSCA E DELLA CARPOCAPSA SUL NOCE

Gli insetti nocivi del  noce sono in grado di danneggiare il generarsi dei frutti fino a compromettere la produzione della pianta. Gli effetti più evidenti sono:

  • Cascola anticipata dei frutti ed elevato rischio di perdita dell’intero raccolto.
  • Essiccazione del frutto che resta attaccato alla pianta.
  • Infestazioni fungine causate dall’attacco di altri parassiti attirati dalle noci in decomposizione.

COME CAPIRE SE LE NOCI SONO INFESTATE

  • Una noce punta dalla mosca presenta delle piccole macchie scure: buca il guscio e rovina il mallo (ma non rovina il nocciolo – gheriglio – della noce. Si nota l’annerimento del frutto e il mallo che risulta sempre aderente al guscio della noce.
  • Una noce scavata dalla carpocapsa, invece, lascia un foro più evidente (scavato, appunto) dal quale è facile notare una fuoriuscita di materiale, risultato dello scavo misto ad escrementi della larva.

MOSCA DEL NOCE

mallo della noce rovinato con vermi

La mosca punge il mallo e ci depone dentro le uova. Le larve si nutrono del mallo che, danneggiato, annerisce e marcisce. La sostanza nerastra che fuoriesce dal marcio penetra nel gheriglio rendendolo immangiabile. Il frutto casca precocemente.

 

 

CARPOCAPSA

gheriglio di noce con verme di carpocapsa

Se anche il gheriglio della noce è rovinato, l’insetto che crea il problema è la carpocapsa. Questo lepidottero, famoso per essere il responsabile del verme delle mele, deposita le uova sulle foglie, le larve poi raggiungono il mallo e iniziano a rosicchiarlo, continuando fino alla parte dura del legno, per poi arrivare fino al gheriglio, dove si nutrono anche di quello. Anche in questo caso la noce non è più commestibile.

COME PREVENIRE I DANNI SUL NOCE

Le migliori strategie di protezione dei frutteti hanno successo perché mettono in campo diversi mezzi di difesa dagli insetti nocivi, ognuno dei quali, se attuato singolarmente, non si rivela mai la soluzione definitiva ma, in combinazione con altri, porta a risultati concreti. 

Se vuoi approfondire il discorso, ti consigliamo un articolo con tutte le tecniche di difesa del noce.

trappola per mosca della frutta tap trap

Ecco qualche consiglio di base intanto:

  • Posiziona le trappole in anticipo:
    • la carpocapsa sfarfalla non appena le temperature raggiungono i 15-16 gradi, quindi è utile mettere le trappole a maggio.
    • La mosca del noce sfarfalla a luglio: arriva un po’ dopo la mosca della frutta e pertanto, se non le hai già in campo, è necessario mettere le trappole già a metà giugno.
  • Rimuovi i frutti infestati: serve ad impedire che le larve uscendo dal frutto si impupino nel terreno. Usa dei teli antinsetto stesi al suolo sotto la chioma del noce: questo eviterà l’arrivo di altre larve.
  • Mantieni le trappole in campo fino a fine stagione: in questo modo vengono catturati gli ultimi adulti in circolazione evitando che depositino quelle uova che diventeranno gli infestanti della stagione successiva.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Ricevi direttamente i nostri consigli sull’uso delle trappole (no spam o pubblicità)

 

INDICAZIONI UTILI

Dove trovare Tap Trap

  • Per conoscere il rivenditore più vicino a casa tua invia una email a info@taptrap.com, oppure compila questo form

Come ricevere consigli e assistenza

Articoli utili

Questo articolo è stato scritto e redatto da
Maura Rizzo


Tutte le foto, ove non diversamente indicato, sono sotto licenza libera per usi commerciali oppure Copyright Roberto Carello e Vanda Bellini.

Se hai trovato utile questo articolo, condividilo!

LE NEWS DELLA STAGIONE

vespa crabro predatori delle api

SALVARE LE API DA INSETTI PREDATORI

Tra le buone pratiche per allevare api è fondamentale assicurare all’apiario la protezione da vespe e calabroni che oltre a cacciare le nostre piccole amiche, possono causare un forte stress alle famiglie mettendole seriamente a rischio.

Leggi di più »
Open chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao, come posso aiutarti?